it / en

News

Scopri

L’ampliamento del sito UNESCO
L’importanza della rete di faggete vetuste UNESCO per la tutela dell’integrità dei processi biologici ed ecologici di un habitat forestale unico. Si avvicina la conclusione del dossier per il processo di ampliamento del sito Seriale UNESCO “Ancient and Primeval Beech Forests of the Carpathians and Other Regions of... approfondisci
HALF-EARTH: un nuovo patto tra uomo e natura
La tutela della biodiversità, la conservazione degli ecosistemi e dei processi naturali rappresentano la principale sfida del nostro tempo. L’accelerazione delle attività umane nell’uso incessante e indiscriminato degli spazi a disposizione della natura hanno causato e continuano a causare una riduzione degli ecosistemi con la conseguente diminuzione della... approfondisci
Un Piano per la Conservazione del sito UNESCO
Avviati i lavori, grazie a un finanziamento del MiBACT, per la stesura del Piano di Gestione per le faggete vetuste italiane Le antiche foreste di faggio sono tutelate e conservate grazie all’istituzione del sito seriale transnazionale “Foreste Primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d’Europa”, composto... approfondisci
I segreti della longevità dei faggi

I segreti della longevità dei faggi

Arrampicarsi “sugli alberi più vecchi d’Europa” per comprendere la legge che lega crescita e longevità

L’esigenza di esplorare i misteri che avvolgono la longevità degli alberi ha ispirato uno studio internazionale, che ha unito diversi gruppi di ricerca europei coordinati da Roel Brienen della School of Geography dell’Università di Leeds (UK) con il patrocinio di National Geographic, volto a scoprire i segreti dell’età degli alberi vetusti.

Un campo misterioso e affascinante al quale i ricercatori italiani del Laboratorio di Dendroecologia dell’Università della Tuscia hanno contribuito con dati collezionati in molti anni di ricerche sul campo, raccolti in alcune fra le più integre foreste vetuste d’Italia.

L’obiettivo del progetto è descrivere la struttura degli alberi vetusti, concentrandosi soprattutto sul faggio in qualità di specie longeva e altamente plastica, per comprendere le strategie di crescita che consentono loro di raggiungere età e dimensioni eccezionali in ambienti così profondamente diversi. Il faggio dà forma a foreste, dai climi montani delle Alpi austriache a quelli appenninici, presentando dinamiche di crescita differenti: dalle faggete vetuste delle Foreste Casentinesi, del Parco d’Abruzzo e del Pollino in cui raggiunge 500-600 anni con individui di dimensioni relativamente modeste (20-25 m d’altezza), fino al limite di distribuzione negli ambienti caldo-aridi mediterranei, come le faggete di bassa quota sul Lago di Bracciano (Oriolo Romano) e sul Gargano, dove sono però capaci di raggiungere i 40-50 m di altezza.

Per indagare al meglio la legge che lega crescita e longevità, i ricercatori si arrampicano “sugli alberi più vecchi d’Europa”, attraverso le tecniche di tree-climbing unite all’approccio scientifico dendrometrico e dendroecologico, raccogliendo dati e campioni biologici per riuscire a creare una mappa completa di ogni singolo albero, ricostruendo così tridimensionalmente la struttura arborea.

I dati raccolti da questo progetto aiuteranno a comprendere al meglio la relazione tra velocità di accrescimento e longevità nei faggi delle foreste vetuste, nonché il loro stato di conservazione in relazione ai cambiamenti climatici.

Per maggiori informazioni rimandiamo agli articoli usciti sul sito di National Geographic:


Tutte le news

Partners

Logo Unesco
Logo MIBAC

Progetto finanziato a valere sui fondi Legge 20 febbraio 2006, n. 77 "Misure speciali di tutela e fruizione dei siti italiani di interesse culturale, paesaggistico e ambientale, inseriti nella "lista del patrimonio mondiale", posti sotto la tutela dell'UNESCO.